HTC - home page

News ed Eventi

23.08.2017 ECOGRAFI DI ULTIMA GENERAZIONE PER ESAMI ALTAMENTE SPECIALISTICI   continua »

21.08.2017 Lo zucchero? Se vi era rimasto ancora qualche dubbio... fa malissimo! continua »

18.08.2017  Morte cardiaca improvvisa: come evitarla? continua »

17.08.2017 Training autogeno per imparare a gestire il dolore continua »

17.08.2017  L'impotenza potrebbe essere un campanello d'allarme di alcuni problemi cardiaci continua »



Iscriviti alla newsletter

*Dati richiesti

 

18.04.2017

Fibrillazione atriale: un rischio che si può evitare!

Vi ricordate quando è stata l'ultima volta in cui il vostro medico vi ha “sentito il polso per controllare il battito cardiaco? Secondo un articolo, apparso sulla rivista Lancet, questo semplice gesto, seguito da un elettrocardiogramma, può risultare determinante per prevenire un ictus, perché identifica uno dei maggiori fattori di rischio per incidenti cerebro-vascolari: la fibrillazione atriale.

 Il 20% degli ictus è legato a questa aritmia.

Quando il cuore batte in maniera irregolare non riesce a pompare bene il sangue che ristagna nell'atrio provocando la formazione di trombi.

Da questi possono staccarsi emboli che vanno al cervello dove possono occludere le arterie e provocare, nei casi più gravi, un ictus.

La fibrillazione atriale è più frequente negli anziani, ma negli ultimi venti anni è aumentato il numero di casi nei giovani.

Ciò è attribuibile a fattori di rischio come il diabete, l'ipertensione, l'obesità, il consumo di alcool e lo stress.

Un obiettivo della terapia, in questi pazienti, è quello di prevenire l'ictus, impedendo la formazione di trombi, con farmaci che modificano la coagulazione del sangue.

Finora si è utilizzato il Warfarin, ma ora sono disponibili nuovi anticoagulanti (NOAC) più maneggevoli del Warfarin, ma altrettanto efficaci.



« indietro