HTC - home page

News ed Eventi

28.09.2027 continua »

16.05.2018  LA  COLPOSCOPIA - che può salvarci la vita - IN 10 MOSSE continua »

09.05.2018 Le 3 ecografie indispensabili in gravidanza continua »

02.05.2018 ECOGRAFIA 4D IN GRAVIDANZA  video tridimensionale in tempo reale del feto continua »

26.04.2018 L'ortottista, questo sconosciuto... continua »



Iscriviti alla newsletter

*Dati richiesti

 

09.05.2018

Le 3 ecografie indispensabili in gravidanza

Scopri quali sono le 3 ecografie indispensabili in gravidanza.

 

 

ECOGRAFIA DEL PRIMO TRIMESTRE (DATAZIONE)

Quando?

Si può fare tra la 6-7 e la 13 settimana di gestazione.

Nel primo caso vedremo il caratteristico “fagiolino”, nel secondo un vero e proprio abbozzo di bambino.

Perché?

Serve a datare la gravidanza e a stabilire la data presunta del parto.

Tra la 11 e la 13 settimana si può abbinare la valutazione della translucenza nucale. Insieme ad un esame del sangue, stima il rischio che il bambino sia affetto da alcune patologie come la sindrome di Down.

Questo esame va effettuato solo da Ginecologi specificamente accreditati. In caso di sospetto, verranno prescritti esami di secondo livello come l'amnio o la villo-centesi.

Come?

Questa ecografia viene generalmente effettuata per via transvaginale. La durata è di 10-15 minuti

 

ECOGRAFIA DEL SECONDO TRIMESTRE (MORFOLOGICA)

 

Quando?

Viene eseguita tra la 20 e la 23 settimana

Perché?

Valuta le caratteristiche anatomiche del feto per individuare eventuali anomalie. Anche in questo caso l'operatore che la esegue (normalmente un ginecologo) deve essere di provata esperienza. Si può finalmente sapere il sesso del nascituro. In caso venissero rilevati marcatori ecografici per eventuali alterazioni cromosomiche, la gestante verrà avviata ad accertamenti di secondo livello.

Come?

Dura un po' di più della precedente: circa 20-30 minuti. Quasi sempre viene eseguita per via sovra-pubica.

 

ECOGRAFIA DEL TERZO TRIMESTRE (ACCRESCIMENTO)

 

Quando?

Tra la 30 e la 32 settimana di gestazione. E' un esame a carico del SSN solo se esiste un rischio di patologia materna o fetale.

Perché?

Individua anomalie anatomiche che si manifestano tardivamente. Serve a valutare: l'accrescimento fetale; la quantità di liquido amniotico; la localizzazione della placenta; la posizione del feto. Nel corso di questo esame viene eseguita anche la flussimetria doppler, utile a valutare la qualità dell'irrorazione sanguigna del feto, per valutare il suo stato di benessere

Come?

Dura all'incirca 20 minuti e viene eseguita per via addominale (la sonda dell'ecografo viene appoggiata sulla pancia



« indietro